Le stelline di Esperì – Cena tra bimbi

Ieri abbiamo inaugurato “Le stelline di Esperì – cena tra bambini“, attività pensata a lungo e ragionata sui bisogni dei bambini, ma anche dei genitori che spesso, per ragioni familiari o logistici, non hanno un sostegno a cui appoggiarsi per dedicare momenti alla coppia o al gruppo di amici. Ritrovare momenti tra adulti è importantissimo per il benessere e l’equilibrio individuale.

Nasce per questo la proposta della cena tra bambini, un momento conviviale e di gioco in un contesto strutturato, stimolante e sicuro dove le figure educative diventano mediatrici e facilitatrici della socializzazione e del confronto tra pari, attraverso strumenti e proposte differenziate che tengono conto delle preferenze e degli interessi del piccolo gruppo.

Per questo un primo importantissimo momento è quello di apertura della serata durante il quale, utilizzando giochi di socializzazione, ogni bambino comincia a raccontare se stesso agli altri. I giochi e le attività proposte hanno avuto come obiettivo quello di promuovere il benessere dei bambini e favorire l’interazione sentendosi parte di un gruppo.

Successivamente ci siamo dedicati alla cena, ogni bambino ha pensato e scelto la propria pizza, l’ha comunicata con un po’ di emozione al telefono ad una simpaticissima pizzaiola ed ha aiutato nell’apparecchiatura del tavolo. Durante il momento conviviale del pasto abbiamo stimolato e sostenuto la conversazione tra i bambini che hanno trovato lo spazio di esprimere le proprie idee, di portare avanti proposte, di creare affinità. Per i bambini è importante sperimentare prime esperienze di relazione sociale in cui la collaborazione, la scelta comune e il rispetto delle idee altrui possa favorire un clima positivo… sperimentarsi nella risoluzione dei piccoli conflitti e trovare soluzioni che vengono incontro ai bisogni di tutti è importantissimo per la costruzione e il confronto  delle future relazioni adulte.

Successivamente è stato il momento del gioco libero, durante il quale ogni bambino ha scelto con chi e che cosa fare. E’ stato davvero bello vedere come coppie di bimbi che già si conoscevano si aprissero alla collaborazione con i nuovi amici.

E’ arrivato poi il momento dell’attività strutturata: inizialmente è stato proposto un breve momento di immaginazione durante il quale i bambini sono stati guidati ad visualizzarsi sulla spiaggia ed hanno esplorato con la fantasia tutto quello che desideravano vedere o fare, dopodiché sono stati invitati a rappresentare tutti insieme su grandi cartelloni attaccati al pavimento quello che hanno visto con “gli occhi della mente”.

Per finire ci siamo trasferiti in una stanza più piccola, con un grande divano e un tappeto, per favorire il momento del rilassamento e degli imminenti saluti ed abbiamo letto una favola della buonanotte. A quel punto le prime mamme hanno cominciato ad arrivare e la serata si è conclusa con abbracci e sorrisi.

Quando i saggi hanno raggiunto il limite estremo della loro saggezza, conviene ascoltare i bambini.
Georges Bernanos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *